martedì 20 febbraio 2018

LA SODA DI GIROLAMO FORNI

Presentando esempi di reazioni chimiche per far esercitare i miei alunni nella nomenclatura e nel bilanciamento, ho colto l'occasione per accennare in classe anche ai più importanti processi dell'industria chimica inorganica: produzione di acido solforico, di ammoniaca, di acido nitrico e di carbonato di sodio.

Ho presentato entrambi i metodi di preparazione di quest'ultimo composto: sia quello di Nicolas Leblanc, risalente al 1789, che quello attualmente in uso, brevettato di Ernest Solvay - metodo che ha guadagnato al carbonato di sodio il nome commerciale di soda solvay

Eccone una schematizzazione:


Le frecce che si inseguono da una formula all'altra evidenziano come le uniche due materie prime siano carbonato di calcio e cloruro di sodio, mentre tra i prodotti compaiono carbonato di sodio e cloruro di calcio.

Certamente il processo Solvay è, almeno sulla carta (o sullo schermo), meno impattante del processo Leblanc, che presentava come sottoprodotti solfuro di calcio e acido cloridrico (composti che poi furono utilizzati per produrre polvere da sbianca, ma fu necessario attendere i lavori di Deacon e di Weldon, verso la metà dell'Ottocento).


Cercando una trattazione breve e semplice, adatta ai miei alunni, ho sfogliato un vecchio testo di Chimica e mineralogia di Raffaele D'Alessandro, edito da Mondadori nel 1954: in una nota riportava che prima di Solvay un farmacista milanese, Girolamo Forni, aveva ideato un processo discontinuo all'ammoniaca per la sintesi della soda fin dal 1836. Ne fa cenno Ottavio Ferrario, naturalista e religioso dell'Ordine di San Giovanni di Dio, nel quinto volume del suo Corso di Chimica Generale (Milano, 1840), a pag. 440:


Le conclusioni di Ferrario nel commentare l'idea di Forni sono le stesse che saranno formulate vent'anni più tardi da Solvay brevettando il suo processo per la sintesi del carbonato di sodio il 15 aprile 1861. 

Il 26 dicembre 1863 nacque l'azienda che realizzò il tutto su scala industriale - cosa che invece Forni a suo tempo non poté fare per mancanza di sovvenzioni, negategli dal governo del Lombardo-Veneto.

Cinquant'anni dopo la fondazione della Solvay in Belgio, nacque a Rosignano (Livorno) il primo stabilimento italiano per la sintesi della soda, tuttora esistente.